laboratori

From Objective map to Subjective mapping
Laboratorio sull’esplorazione dello spazio urbano
a cura di Alessandro Carboni
Giovedi 13 – Venerdi 14 – Sabato 15 Dicembre
orario: Giovedi 13 e Venerdi 14 dalle 16 alle 19 – Sabato 15 dalle 09 alle 13
durata: 11 ore
sede: MEM – Mediateca del Mediterraneo, via Mameli 164
numero partecipanti:  25 adulti

From objective map to subjective mapping è un laboratorio rivolto a tutti coloro che intendono conoscere ed esplorare la città in un modo nuovo e sperimentale. Il laboratorio sarà suddiviso in tre giornate di lavoro interdisciplinare, teorico e pratico, in cui verranno mostrati esempi di metodologie e tecniche di documentazione utilizzando arti visive, il video e fotografia. Inoltre, verranno integrate delle esplorazioni urbane che interesseranno l’area di Stampace. Lo scopo del laboratorio è di fornire ai partecipanti una metodologia multidisciplinare e maggiore consapevolezza su ciò che è veramente essenziale per descrivere un contesto urbano, ad esempio in un progetto di reportage, e su come le storie, intrecciate con le emozioni, si possono raccontare: le ragioni di scattare foto in luoghi pubblici, la scelta dei punti di vista e di osservazione; l’importanza del relazionarsi con i soggetti, gli stratagemmi per diventare invisibili, le sensazioni che possono essere ritrasmesse.
Il laboratorio è rivolto a 25 partecipanti max e il costo è 20 euro.

Modalità di partecipazione:

Per partecipare è necessario scaricare la scheda di partecipazione –FromObjective-schedapartecipazione e successivamente effettuare un bonifico bancario al c/c intestato a Formati Sensibili Associazione – IBAN: IT 32 Z 033 5901 6001 0000 0064 052 – specificando nella causale: iscrizione laboratorio – nome e cognome

A pagamento avvenuto inviare a antimapfest@gmail.com la copia del bonifico e la scheda di partecipazione compilata.

Per info e iscrizioni:

https://antimapfestival.wordpress.com

antimapfest@gmail.com
+39 3888463520

Biografia:
Artista visivo, ricercatore e performer, 1976. Il suo lavoro si focalizza sul corpo e le sue relazioni con lo spazio. Negli ultimi anni, ha sviluppato numerosi progetti, mostre, coreografie e performance in festival, musei e gallerie in Europa, Stati Uniti, Hong Kong, India e Cina. La sua pratica si esprime inoltre, attraverso lʼinsegnamento e la ricerca presso la School of Architecture di Hong Kong e il progetto di ricerca  Complex Body Network in collaborazione con il Dipartimento di Fisica dell’Università di Cagliari. Recentemente ha presentato la performance Learning Curves, Kaitak River, alla XIII Biennale di Architettura di Venezia. www.progressivearchive.com

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s